Archivi tag: ARPA

Rifiuti, si va verso il caos. Per colpa di chi?

Come riporta il Messaggero-Umbria di sabato scorso, i sindaci dell’ATI2 si sarebbero accorti finalmente di stare pericolosamente sull’orlo del baratro e, visto che i conferimenti dei rifiuti alla discarica di Borgogiglione sono ormai a rischio caos, hanno chiesto a mamma Regione di tirare fuori dal cilindro il classico coniglio.
Da 2 mesi la Direzione Distrettuale Antimafia ha messo GESENU S.p.A. e società collegate con relativi impianti sotto stretta sorveglianza, indagando su presunti illeciti ambientali e truffe nella gestione dei rifiuti. Le notizie che filtrano non sono affatto rassicuranti ma la politica è tutta presa dalle nuove possibili alchimie societarie. Continua la lettura di Rifiuti, si va verso il caos. Per colpa di chi?

GESENU & rifiuti: cosa loro?

Rifiuti, discariche e corruzione. Il caso dell’Umbria

[dal numero de l’altrapagina di Novembre 2015]

Lunedì 12 ottobre, 50 uomini del nucleo investigativo del Corpo Forestale dello Stato hanno fatto irruzione nella sede della GESENU a Ponte Rio di Perugia, in quella della TSA di Magione e nelle discariche di Pietramelina e di Borgogiglione oltre che in due laboratori di analisi e in un’azienda di Assisi che si occupa del trattamento di rifiuti.
Le perquisizioni, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia, erano state disposte dalla Procura di Perugia che ha ipotizzato il reato di smaltimento e traffico illecito di rifiuti.
Per alcuni dei 16 indagati sussisterebbe anche l’ipotesi di associazione a delinquere.
Nei giorni scorsi abbiamo incontrato Lucio Pala, presidente dell’Osservatorio Borgogiglione, Roberto Pellegrino, biologo ambientalista referente di Rifiuti Zero e Carlo Romagnoli, medico dell’ ISDE, l’Associazione Internazionale dei medici per l’ambiente.
Abbiamo chiesto loro di fare il punto sulla gestione dei rifiuti in Umbria.
Continua la lettura di GESENU & rifiuti: cosa loro?

A Terni gli inceneritori uccidono 8 persone all’anno.

Riportiamo integralmente il comunicato stampa del Comitato No Inceneritori e dell’Osservatorio Indipendente sulle esposizioni del polo di incenerimento unitamente alle due relazioni citate nel documento. Ormai è un fatto dimostrato: l’incenerimento dei rifiuti a Terni uccide.

Otto (8) morti l’anno prodotti dalle esposizioni agli inceneritori. La notizia in una relazione interna della ASL2 commentata dalla sezione umbra dei Medici per l’Ambiente-ISDE e dall’Osservatorio Indipendente sulle esposizioni del polo di incenerimento. Ma in molti la ignorano.

Continua la lettura di A Terni gli inceneritori uccidono 8 persone all’anno.

Cambiare strada per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito e sano

Senza entrare nel merito delle indagini della magistratura, l’Osservatorio Borgogiglione non può che ribadire le critiche sulle responsabilità politiche nella gestione dei rifiuti a Perugia e in Umbria e rappresentare le preoccupazioni dei cittadini, non solo i residenti vicino alle discariche.

L’Osservatorio si è sempre sforzato di riflettere innanzitutto sulla condizione nella quale è ridotta la Natura i cui equilibri risultano gravemente alterati e le cui risorse fondamentali – aria, acqua, terra – vengono costantemente avvelenate a causa delle attività umane. E allo stesso tempo di diffondere la consapevolezza che per i vari centri di potere, finanziario, economico o politico, tutto questo non è necessariamente un male. Continua la lettura di Cambiare strada per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito e sano

Fumo negli occhi… Bruciare i rifiuti non è la soluzione!

La Regione Umbria non intende rinunciare alle discariche, definite strategiche, mentre a parole sostiene le buone pratiche della prevenzione e del riciclo. Per questo, le discussioni sulla gestione dei rifiuti da molti mesi a questa parte ruotano sempre intorno alla vuota domanda su come “chiudere il ciclo” e alla proposta di bruciare i rifiuti (CSS – combustibile solido secondario).
Allora, facciamo chiarezza sui numeri, visto che ogni giorno si confondono i cittadini sbandierando mirabolanti risultati nella Raccolta Differenziata, un dato di per sé privo di significato, finché rimangono nella nebbia i conferimenti effettivi alle discariche. Continua la lettura di Fumo negli occhi… Bruciare i rifiuti non è la soluzione!