Archivi categoria: Piano regionale dei rifiuti

La Regione Umbria sceglie la produzione di CSS

Il 25 Febbraio 2014 il Consiglio Regionale dell’Umbria ha approvato una mozione per la produzione di CSS (ovvero rifiuti da bruciare) nella nostra regione.
La produzione e l’utilizzo di CSS costituiscono un’alternativa inefficiente ed economicamente svantaggiosa, oltre che dannosa per la salute (vedi, per maggiori informazioni, le relazioni a questa pagina); inoltre gli investimenti necessari per l’impiantistica distoglieranno inevitabilmente risorse dalla costruzione di altri tipi di impianti, quali quelli per il riciclo ed il riuso dei materiali e per il compostaggio.

Pubblichiamo i comunicati stampa del Coordinamento Regionale Rifiuti Zero e del Comitato No Inceneritori Terni dei quali condividiamo totalmente i contenuti. Continua la lettura di La Regione Umbria sceglie la produzione di CSS

Comitato No Inceneritori Terni: La mozione Pd-Psi per la produzione del CSS in Umbria è un affronto alle tante mobilitazioni sul tema dei rifuti. Zero dibattito, solo mantenimento degli interessi costituiti.

26/02/2014, Comunicato Stampa: La mozione Pd-Psi per la produzione del CSS in Umbria è un affronto alle tante mobilitazioni sul tema dei rifuti. Zero dibattito, solo mantenimento degli interessi costituiti.

La fretta e la determinazione con cui Pd e PSI hanno spinto per l’adozione della normativa in materia di produzione di CSS lasciano troppi dubbi sulle reali motivazioni “ambientali” sventolate in aula. Continua la lettura di Comitato No Inceneritori Terni: La mozione Pd-Psi per la produzione del CSS in Umbria è un affronto alle tante mobilitazioni sul tema dei rifuti. Zero dibattito, solo mantenimento degli interessi costituiti.

Convocazione di una assemblea per una piattaforma regionale sul tema rifiuti in vista del nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti

[Diamo appuntamento a tutti a Terni sabato 15 febbraio alle ore 15 per una grande assemblea generale da cui possa scaturire un documento comune e appuntamenti generali per i prossimi mesi.]

Il 2014 sarà l’anno decisivo per la gestione dei rifiuti in Umbria, le scelte che si faranno oggi segneranno definitivamente il percorso che si compirà nel prossimo futuro. Rendere l’Umbria un territorio sostenibile dal punto di vista della gestione dei rifiuti e della qualità ambientale è per noi un punto non contrattabile. Continua la lettura di Convocazione di una assemblea per una piattaforma regionale sul tema rifiuti in vista del nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti

Rifiuti: respinta la mozione favorevole all’utilizzo del CSS nei cementifici e nelle centrali elettriche

(Acs) Perugia, 21 gennaio 2014 – L’assemblea legislativa dell’Umbria ha respinto, con 19 voti contrari e 9 favorevoli, la mozione presentata dall’opposizione (firmatari: Zaffini, Fd’I, Nevi, FI, e Monacelli, Udc) che chiedeva alla Giunta, di “rivedere il piano regionale dei rifiuti, con particolare riferimento all’utilizzo del combustibile da rifiuti (Css) nei cementifici e nelle centrali elettriche in possesso di autorizzazione integrata ambientale”. La mozione era stata ampiamente discussa nella precedente seduta consiliare. Stamani si è passati alle dichiarazioni di voto ed alla votazione finale.

Per chi vuole approfondire:
1) tutte le dichiarazioni di voto degli esponenti dei gruppi consiliari
2) la mozione alternativa, N. 1426, presentata dai consiglieri Locchi e Buconi

Sollecitiamo i vostri commenti.

RIFIUTI: “AMBIENTALMENTE ED ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSO LO SMALTIMENTO NEI CEMENTIFICI ”

NEVI (FI) “L’UMBRIA A GUIDA MARINI NON FA NULLA MA NOI CHIEDEREMO UNA SEDUTA STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO”

Il capogruppo regionale di Forza Italia, Raffaele Nevi, pone di nuovo la questione dello smaltimento dei rifiuti nei cementifici, alla luce “dell’evoluzione normativa che porterà a breve alla semplificazione delle procedure” e accusa di inerzia la Regione Umbria “a guida Marini” a fronte di una probabile “emergenza rifiuti”. Continua la lettura di RIFIUTI: “AMBIENTALMENTE ED ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSO LO SMALTIMENTO NEI CEMENTIFICI ”