Archivi tag: CSS

La Regione Umbria vuole incrementare la raccolta differenziata… Fa sul serio?

La Giunta Regionale ha finalmente approvato “Misure per accelerare l’incremento della raccolta differenziata”: una prima risposta alle richieste di cambio di passo avanzate da tempo da quest’Osservatorio insieme a tanti comitati e associazioni che si battono per una gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti anche in Umbria.

Il limite della Delibera sta nella mancanza di finanziamenti adeguati a sostenere i Comuni più in difficoltà (o più pigri). Non basta infatti fare la voce grossa, in questi casi…

Continua la lettura di La Regione Umbria vuole incrementare la raccolta differenziata… Fa sul serio?

Presidente Marini, permette due parole?

Nella Conferenza di 2 giorni fa sulla gestione dei rifiuti, Lei ha auspicato il superamento delle discariche anche in Umbria, dando un po’ di numeri… (“Attualmente siamo circa al 50%, ma anche attraverso questa delibera contiamo di abbattere la quantità al 25% dei rifiuti prodotti”.).

Certo, la proposta di ridurli a combustibile da bruciare (qui o fuori regione, poco cambia) non comporta meno rischi per la salute umana e l’ambiente, e nemmeno è un’alternativa vera, visto che inceneritori e discariche vanno a braccetto…

Ma la nostra preoccupazione oggi è quella di capire se davvero alla discarica di Borgogiglione siamo arrivati all’emergenza ambientale (vedi la notizia riportata dal Messaggero Umbria di oggi), come si è prodotta e dove cercare eventuali responsabilità.

Come mai tutti gli amministratori regionali e locali sapevano tutto già da oltre un mese mentre i cittadini (e gli utenti che pagano le salatissime bollette TARI) sono stati tenuti all’oscuro? Come si uscirà da quest’emergenza?

Osservatorio Borgogiglione

Conferenza stampa del 20 Gennaio in Regione

Breve resoconto dell’incontro del Comitato No Inceneritori Terni e dell’Osservatorio Borgogiglione con la stampa. Segue rassegna dei media locali: TGR Umbria, quotidiani cartacei e online.

Fabio Neri e Lucio Pala hanno illustrato le ultime sulla gestione regionale del ciclo dei rifiuti e le azioni di lotta avviate nei territori contro INCENERITORI e DISCARICHE.

Dito puntato contro il Decreto governativo cosiddetto “Sblocca Italia”, che finanzia la combustione dei rifiuti spacciandola come scelta obbligata per chiudere le discariche, e che prevede un inceneritore anche in Umbria.
Le dichiarazioni contrarie dell’Assessore all’Ambiente Cecchini e della Presidente Marini si sono rivelate finora contraddittorie e senza effetto all’atto pratico.
Reso pubblico il curioso carteggio tra Regione e Ministero dell’ambiente, a fatica emerso dalle nebbie puzzolenti che avvolgevano l’Umbria in queste settimane. Continua la lettura di Conferenza stampa del 20 Gennaio in Regione

Inceneritori e discariche: i territori rispondono insieme alle emergenze nella gestione dei rifiuti

Mercoledì 20 Gennaio, ore 10,
presso la Sala Partecipazione del Consiglio Regionale,
Piazza Italia, Perugia

Conferenza stampa del Comitato NO INCENERITORI di Terni e di Osservatorio Borgogiglione per illustrare le ultime notizie sulla gestione regionale del ciclo dei rifiuti.
[Scarica invito in formato PDF.]
Continua la lettura di Inceneritori e discariche: i territori rispondono insieme alle emergenze nella gestione dei rifiuti

Rifiuti, si va verso il caos. Per colpa di chi?

Come riporta il Messaggero-Umbria di sabato scorso, i sindaci dell’ATI2 si sarebbero accorti finalmente di stare pericolosamente sull’orlo del baratro e, visto che i conferimenti dei rifiuti alla discarica di Borgogiglione sono ormai a rischio caos, hanno chiesto a mamma Regione di tirare fuori dal cilindro il classico coniglio.
Da 2 mesi la Direzione Distrettuale Antimafia ha messo GESENU S.p.A. e società collegate con relativi impianti sotto stretta sorveglianza, indagando su presunti illeciti ambientali e truffe nella gestione dei rifiuti. Le notizie che filtrano non sono affatto rassicuranti ma la politica è tutta presa dalle nuove possibili alchimie societarie. Continua la lettura di Rifiuti, si va verso il caos. Per colpa di chi?