MONITORAGGIO OK!

Risultati del confronto nella sede dell’ARPA, Perugia 6 febbraio 2014

Dopo gli incontri dei mesi scorsi, oggi siamo arrivati a condividere l’opportunità di un  Protocollo per Borgogiglione.
Ed è particolarmente significativo che intorno allo stesso tavolo di confronto ci fossero i responsabili di ARPA Umbria, del Dipartimento Prevenzione USL Umbria1, gli amministratori di 3 Comuni direttamente interessati dalla discarica (Magione, Corciano e Perugia), il dirigente dell’ATI2 e il responsabile dell’azienda TSA che gestisce l’impianto. L’Osservatorio Borgogiglione aveva al suo fianco il medico dell’ISDE Carlo Romagoli, ed era stata invitata anche CittadinanzAttiva di Corciano.

Abbiamo sentito con soddisfazione dei recenti sopralluoghi di ARPA in discarica e dell’impegno del gestore a curare le buone pratiche di gestione quotidiana, anche se il superlavoro dovuto ai conferimenti straordinari di questi tempi può determinare qualche disfunzione e ritardo. In accordo con TSA, e venendo così incontro alle preoccupazioni espresse da questo Osservatorio e dall’Amministrazione di Corciano, tutti hanno accettato la decisione di implementare i controlli e l’informazione.
Ci è stato ripetuto ancora una volta che la discarica viene tenuta sotto controllo dall’ARPA e che finora non ha evidenziato problematiche di pericolo; tuttavia, si vuole perseguire la massima trasparenza e un dialogo con i cittadini basato sulla condivisione dei dati e sul principio del cointeresse.

A breve ci sarà una riunione tecnica per stendere concretamente questo Protocollo e definire l’implementazione del MONITORAGGIO AMBIENTALE già in essere: nuovi punti di controllo delle acque profonde, per monitorare il rischio “migrazione” del percolato e per accertare la tenuta della barriera del fondo della preesistente discarica. Già è stata installata una nuova centralina di monitoraggio delle acque di ruscellamento lungo il Fosso della Contessa, anche se i dati raccolti non sono ancora pubblici.
Su un’altra delle nostre richieste, di procedere ad un’estensione dei controlli sulle emissioni in atmosfera, l’ARPA oppone resistenza anche per difficoltà finanziarie. Invece, c’è disponibilità per misure meno costose e di facile realizzazione: il lavaggio quotidiano dei camion, il pieno rispetto delle norme di buona gestione già previste come la copertura dei rifiuti, il controllo del numero di camion e degli orari d’ingresso, il rispetto del Codice della strada…

Quanto alla necessità, per noi fondamentale, di attivare uno STUDIO DI AREA, che definisca il possibile impatto biologico della discarica ed eventuali rischi per la salute dei cittadini, abbiamo registrato una prima apertura del Dipartimento prevenzione ASL (il rappresentante dell’ASL ha chiarito però che uno studio epidemiologico si può fare solo a partire da un’ipotesi chiara del rischio e valutando bene i complessi e molteplici fattori in gioco nella valutazione, quindi con un Protocollo formalizzato e condiviso: occorrerà promuovere anche l’impegno della Regione per cercare di ricomporre problematiche e normative relative all’Impatto ambientale e alla Valutazione Impatto Salute). A nostro avviso, non si tratta di fare solo uno studio epidemiologico sull’area circostante la discarica, ma di farci guidare da una concezione di salute a tutto campo (coniugando una valutazione del carico chimico globale portato dalla discarica con uno studio biologico e sulle interferenze degli inquinanti sul sistema endocrino, nonché una valutazione dei rischi di incidente o dei rischi per gli operatori quotidianamente esposti più da vicino…).
Chiediamo però di stabilire una tempistica degli interventi e una tempistica per le comunicazioni.

Nel Protocollo tutti hanno accettato di includere anche un Piano della COMUNICAZIONE:
stabilire tempi e modi in cui le informazioni che già TSA fornisce regolarmente alle istituzioni possano essere comunicate adeguatamente anche ai cittadini e alle associazioni per una condivisione dei dati, mantenendo le differenze di competenze e responsabilità dei soggetti cointeressati.
In ogni caso, l’Osservatorio intende attivare in via sperimentale forme di partecipazione civica e condivisione democratica (AUDIT), avvalendosi della collaborazione di esperti.

Lucio Pala
Presidente dell’Osservatorio Borgo Giglione

2 pensieri su “MONITORAGGIO OK!”

  1. unn saluto a tutti,e apprezzamento per l’interesse in merito al tema ambientale che per me risulta di estrema inportanza,vorrei sottolineare inoltre l’urgenza di chiudere definitivamente questa discarica emblema della trascuratezza generale imperante da decenni e decenni,ogni tema è stato trattato fino all’osso piu profondo con esito di
    1 milione e più di tonnellate di rifiuti,segno così evidente da sfuggire ai cosidetti nostri ammministratori e politici a riguardo della salute degli abitanti circostanti e oviamente lo scempio ambientale compiuto.Ricordo nel 1994 la mia decisione di acquistare un piccolo rudere a circa 2,8 Km di distanza ,al tempo il sito discarica non era presente e l’area era una delle bellezze più importanti del centro Umbria ,devastato da scellte criminali,egoiste ,a vantaggio esclusivo di non curanza,indifferenza dei produttori privati e pubblici e di chi amministra detta obrobiosità.Un incitamento ad avere una ferma ed irremovibile determinazione alla chiusura DEFINITIVA per il bene mio e di tutti voi,potrei continuare ma spero di poter partecipare a qualche vostro incontro e infondere in tutti voi nuove energie atte a scelte di armonia e pace ,per una vita sostenibile e realmente progredita nel senso più nobile del termine.saluti Ivan Ranghiasci

    1. L’Osservatorio Borgo Giglione è per la chiusura della discarica: le motivazioni che tu porti sono da noi pienamente condivise ed è per questo che ci battiamo.
      Ne parleremo nell’assemblea popolare di Venerdì 14 Marzo a Capocavallo, sperando anche di incrementare consensi su una tematica così importante.
      http://osservatorioborgogiglione.it/venerdi-14-marzo-ore-21-assemblea-popolare-sui-problemi-della-discarica-e-della-gestione-dei-rifiuti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *