Archivi tag: discarica

Venerdì 14 Marzo, ore 21 – ASSEMBLEA POPOLARE sui problemi della discarica e della gestione dei rifiuti

BORGO GIGLIONE NEL MIRINO!
Assemblea popolare
sui problemi della discarica e della gestione dei rifiuti

Venerdì 14 MARZO, ore 21.00
presso il Circolo APER di Capocavallo (accanto Hotel Faina), Corciano
[per raggiungerci clicca qui]
Continua la lettura di Venerdì 14 Marzo, ore 21 – ASSEMBLEA POPOLARE sui problemi della discarica e della gestione dei rifiuti

Segnalazione: Assemblea pubblica del M5S Perugia – La politica delle discariche e le lobby dei rifiuti

Segnaliamo la seguente iniziativa promossa dal Movimento 5 Stelle di Perugia, interessante perché vuole far luce sui problemi della gestione dei rifiuti in Umbria. Continua la lettura di Segnalazione: Assemblea pubblica del M5S Perugia – La politica delle discariche e le lobby dei rifiuti

Toxic Europe

“Toxic Europe” è il vincitore del “Best International Organised Crime Report Award 2011” (BIOCR) ed era uno dei quattro progetti di documentario selezionati e co-prodotti da FLARE network, Associazione Ilaria Alpi e Novaya Gazeta per il concorso “BIOCR”. E’ inoltre stato co-prodotto dal quotidiano online dailyblog.it (oggi Abruzzonews.it) e dall’Associazione di Giornalismo Investigativo (AGI). Continua la lettura di Toxic Europe

Pietramelina, chi deve controllare e chi deve informare…

Sui giornali di questa settimana abbiamo letto con sconcerto e rabbia le notizie sull’intervento della Guardia Forestale presso la discarica di Pietramelina (Perugia), in seguito a ripetuti allarmi e denunce da parte dei cittadini: è stata messa sotto sequestro una parte dell’impianto dove erano stoccate tonnellate di rifiuti organici e si stanno valutando, insieme ai tecnici dell’ARPA, eventuali pericoli di inquinamento dell’area a causa del percolato. Continua la lettura di Pietramelina, chi deve controllare e chi deve informare…

Rifiuti Umbria: Gallinella E Ciprini (M5S), Evitare Avvio Procedure Di Infrazione

Scritto da Ugi

(AGENPARL) – Roma, 10 ott – I deputati di M5S Filippo Gallinella Tiziana Ciprini hanno presentato una interrogazione al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. Si legge testualmente nell’interrogazione che “la regione Umbria è suddivisa in quattro ambiti territoriali integrati (ATI) delegati alla gestione di sanità, politiche sociali, rifiuti, ciclo idrico integrato e turismo, che fanno riferimento alle quattro ASL della regione;
nei primi di gennaio del 2013 all’interno dell’ATI 2 si è rischiata una grave emergenza relativamente alla gestione dei rifiuti; una comunicazione ufficiale dell’azienda che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti nell’ambito territoriale 2 annunciava, infatti, che «in mancanza di provvedimenti normativi che permettano lo smaltimento di rifiuti, ad oggi non siamo in grado di garantire il ritiro dei rifiuti indifferenziati, pertanto si invitano tutti i cittadini a non esporre i bidoncini grigi a ciò destinati, fino a nuova comunicazione»;
nell’ambito del cosiddetto ATI 2 si trova la discarica di Borgogiglione, che, nata nel 1995 per 200.000 metri cubi, ha raggiunto oggi i 600.000 metri cubi, e raccoglie anche rifiuti con elevato potere calorifico;
il blocco del conferimento di rifiuti con elevato potere calorifico, previsto dal decreto legislativo 36 del 2003, che avrebbe dovuto essere in vigore dal 1° gennaio 2007, è stato infatti derogato di anno in anno;
nel 2013, in forza del decreto suddetto, è avvenuto il blocco temporaneo dell’attività nella discarica di Borgogiglione, che ha però ripreso quasi immediatamente l’attività grazie ad una delibera urgente del presidente della regione Umbria;
è importante sottolineare che l’ATI 2, il 12 ottobre 2012, ha siglato un accordo «di solidarietà» che prevedeva lo smaltimento dei rifiuti dell’ATI 3 nella discarica di Borgogiglione. Tale accordo avrebbe dovuto essere temporaneo, ma ne è già stata richiesta la proroga fino al 30 giugno del 2014 a causa dei ritardi dei lavori nella discarica di Sant’Orsola di Spoleto;
l’ATI 2 ha siglato, inoltre, un analogo accordo «di solidarietà» anche con l’ATI 1 in quanto anche la discarica di Belladanza è afflitta da cronici problemi strutturali;
nel 2012 le tonnellate di rifiuti conferita Borgogiglione sono state 79.520 (comprese 17.775 tonnellate di rifiuti speciali), circa il 10 per cento in meno rispetto al 2011;
per il 2013 sono previste in arrivo 188mila tonnellate (cfr. informativa sulla gestione dei conferimenti, ATI 2 giugno 2013), di cui 19mila di rifiuti speciali;
è evidente che la situazione della discarica di Borgogiglione (di sicuro non l’unico caso in Italia) sta oltrepassando i livelli minimi di sostenibilità, sia da un punto di vista di impatto e gestione ambientale, sia di vivibilità degli abitanti della zona, che, oltre alla difficoltà di smaltire i propri rifiuti, lamentano anche grossi problemi di viabilità a causa del via vai dei camion provenienti da altri ambiti territoriali;
bisogna infine considerare che con la nuova legge regionale 17 maggio 2013, n. 11 Norme di organizzazione territoriale del servizio idrico integrato e del servizio di gestione integrata dei rifiuti, che sopprime gli ATI riunendo la gestione dei rifiuti sotto un unico organismo denominato AURI, la regione tenta, di fatto, di porre rimedio ad una situazione di gestione dei rifiuti inaccettabile, contravvenendo, a parere degli interroganti, al principio di prossimità stabilito dal decreto legislativo n. 152 del 2006 e dalla direttiva 2008/98/CE in materia di rifiuti, e senza tener conto delle diverse realtà territoriali (comuni o interi ambiti territoriali che si sono dimostrati virtuosi ed efficienti);
l’11 settembre 2013, nel corso dell’audizione sulle procedure di infrazione in materia-ambientale presso l’VIII commissione della Camera, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ha citato – tra le numerose procedure avviate nei confronti dell’Italia – la procedura n. 2011/2215 con cui la Commissione europea contesta il mancato rispetto degli obblighi di cui alla direttiva 1999/31/CE in materia di discariche di rifiuti”.
Gli interroganti chiedono se il Governo intenda avviare le necessarie iniziative di competenza per evitare il possibile avvio di ulteriori procedure di infrazione.

[http://www.agenparl.it]