Comunicato – Incontro con ARPA Umbria del 25/11

Si è tenuto lunedì mattina, 25 novembre, l’incontro con i vertici dell’ARPA Umbria, chiesto dall’Osservatorio Borgogiglione per la consegna di una petizione firmata da 465 cittadini, per intensificare i controlli ambientali sull’area della discarica.

Hanno partecipato all’incontro, oltre al Direttore Generale Svedo Piccioni, il Direttore U.O. Tecnica Giancarlo Marchetti, la Direttrice del Dipartimento Provinciale di Perugia Giovanna Saltalamacchia, il Responsabile della Sezione Territoriale di Perugia Luca Proietti, a testimoniare la sensibilità e l’interesse dell’ARPA verso questo problema e la disponibilità a confrontarsi sulla specifica istanza.
L’Osservatorio ha sottolineato le preoccupazioni che serpeggiano tra la gente ma anche la crescente sensibilità per i rischi per la salute e per l’ambiente connessi con l’ampliamento di questa discarica e una crescente consapevolezza dei diritti sanciti dalle nuove normative in tema di controlli ambientali.
Preoccupano soprattutto i conferimenti eccezionali del 2013 (previsti in pari misura anche per il 2014), che configurano una situazione di emergenza ma anche una situazione non prevista dal Progetto di ampliamento già autorizzato con delibera AIA del gennaio 2012 (circa 200 mila tonnellate di rifiuti saranno conferiti in totale nel 2013).

Per parte sua il D.G. Piccioni ha tenuto a precisare che la discarica risulta finora ben controllata e che il Piano di monitoraggio rispetta in pieno le direttive e gli standard fissati dalle normative italiane ed europee. In ogni caso, tenendo conto dell’effettiva straordinarietà della situazione, anche per l’avvio del settore gestito con modalità sperimentale a bio-reattore (per la produzione di energia elettrica dalla frazione umida) e venendo incontro alle preoccupazioni dei cittadini, si è già stabilito di incrementare il numero dei punti di monitoraggio e di passare ad un controllo in continuo delle acque di ruscellamento lungo il Fosso della Contessa.

Quanto alla richiesta, avanzata nella petizione, che i risultati dei controlli e tutti i dati relativi al monitoraggio in possesso dell’ARPA vengano resi pubblici con maggiore tempestività, il Direttore ha dichiarato che la comunicazione segue dei protocolli e dei tempi standard al fine di evitare di diffondere dati parziali e scollegati, che possono dare adito a letture non significative.
L’Osservatorio ha chiesto comunque che si favoriscano consapevolezza e coinvolgimento attivo delle popolazioni nei processi decisionali che le riguardano anche attivando nuove e più dirette forme di partecipazione diretta dei singoli cittadini e delle loro associazioni al “piano dei controlli”, per esempio attraverso un AUDIT civico, così da contemperare le diverse esigenze in campo. Inoltre, che il monitoraggio ambientale possa portare utili indicazioni sui rischi per la salute delle popolazioni e sulla prevenzione del danno, implementando l’analisi biologica dell’area.

Il vertice dell’Agenzia regionale incontrerà ai primi di dicembre i responsabili dell’azienda che gestisce l’impianto, per un esame accurato delle diverse problematiche relative alla gestione della discarica e per verificare la disponibilità ad un coinvolgimento maggiore dell’azienda sul piano della comunicazione con i cittadini. Quindi, si potranno studiare le misure da prendere in un successivo incontro con l’Osservatorio ed i tecnici disponibili a supportare queste azioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.