21 GENNAIO, ORE 17.15 – RIUNIONE CON APERITIVO AL CIRCOLO DI COLLE UMBERTO TUTTI SONO INVITATI

21 GENNAIO, ORE 17.15 – RIUNIONE CON APERITIVO AL CIRCOLO DI COLLE UMBERTO
TUTTI SONO INVITATI
L’Osservatorio Borgogiglione da oltre 3 anni si prende cura del territorio con le sue bellezze ambientali e artistiche, a partire dalla Villa Colle del Cardinale, e si batte per la tutela della salute dei cittadini e per una corretta e risparmiosa gestione dei rifiuti e dei servizi pubblici.
Amministrazioni comunali e Regione, e l’opinione pubblica più in generale, hanno preso atto delle  crescenti  preoccupazioni  degli  esposti  e  delle  critiche  rilanciate  dall’associazione, riconoscendo “il disagio ambientale” che grava sull’intera area nord di Perugia per la presenza di discarica e cava. Ma poco è cambiato!
OGGI L’OSSERVATORIO CHIEDE IL SOSTEGNO DEI CITTADINI PER CONTINUARE  LE INIZIATIVE E ARRIVARE FINALMENTE A RISULTATI CONCRETI.  LE SPESE LEGALI SONO PESANTI.

Il  TAR  Umbria,  infatti,  ha  respinto  i  ricorsi  presentati  dall’Osservatorio  contro  le  Delibere  regionali  che  autorizzano  lo  smaltimento  dei  rifiuti  organici-umidi  nella  discarica  di
Borgogiglione e il transito dei mezzi pesanti lungo la str. vic. Sant’Antonio-Belveduto, limitrofa al  complesso  monumentale  Villa  Colle  del  Cardinale,  con  tutte  le  conseguenze  negative  sul
territorio e sul patrimonio culturale.
L’Osservatorio  sta  valutando  l’opportunità  di  appellare  queste  decisioni,  che  sembrano minimizzare il grave impatto negativo della discarica sull’ambiente, a più riprese denunciato dall’ARPA e per il quale sta indagando anche la Procura della Repubblica.
Resta comunque aperta la domanda posta agli amministratori regionali e comunali:  portare in discarica i rifiuti organici-umidi è una scelta saggia
o non invece un’anomalia?

Non è certo un bene per l’ambiente, visti i rischi crescenti di contaminazione. Non avvantaggia la gran parte dei cittadini quanto piuttosto le aziende che gestiscono il servizio, partecipate
dagli stessi Comuni. Perché non puntare seriamente al compostaggio?
Considerando anche quanto sta emergendo giorno dopo giorno dalle cronache giudiziarie e le pesanti accuse sulla gestione delle discariche nell’ambito territoriale perugino, che si aspetta a
cambiare decisamente strada, avviando un ciclo virtuoso dei rifiuti mirato alla prevenzione e al recupero secondo le logiche dell’economia circolare?

L’OSSERVATORIO BORGOGIGLIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.